Training Autogeno

Cos'è il training autogeno? 

Created with Sketch.

Il training autogenoè una "tecnica di rilassamento profondo elaborata dal neurologo tedesco Johannes H. Schultz, il quale lo definì “un metodo di autodistensione da concentrazione psichica passiva”.
Attraverso una serie di esercizi sviluppati da Schultz è possibile promuovere un riequilibrio del sistema nervoso vegetativo, una riduzione dello stress, una diminuzione dei disturbi psicosomatici, una riduzione della tensione muscolare ed un miglioramento in alcuni aspetti della sfera emotiva.

Il nome della tecnica – training autogeno – è composto da due parole, che ne rappresentano i due aspetti principali: 

  • training” rimanda al concetto di allenamento, ed infatti è necessario una pratica costante ed una sorta di "allenamento" che consentano progressivamente, attraverso la ripetizione di semplici esercizi, una corretta acquisizione del metodo
  • autogeno” rimanda invece a qualcosa che si "genera da sé", andando a produrre quindi autonomamente alcune modificazioni a livello dell’unità mente corpo


Il training autogeno promuove modificazioni del tono muscolare, della funzionalità vascolare, l’attività respiratoria e cardiaca, andando a ristabilire un equilibrio neurovegetativo dell’unità mente-corpo
 

Si compone di una serie di esercizi che si apprendono in modo progressivo e in un numero limitato di sedute

Ambiti di utilizzo e benefici

Created with Sketch.

Il training autogeno può essere utilizzato:

  • ansia e stress
  • attacchi di panico 
  • disturbi funzionali: tensione muscolare, cefalea tensiva, gastrite, tachicardia, dolori di origine psicosomatica


I benefici: 

  • riduzione dello stress, induzione di calma e rilassamento profondo
  • recupero delle energie psicofisiche
  • miglioramento delle prestazioni
  • autoregolazione delle funzioni corporee involontarie
  • miglioramento della memoria
  • benessere psicofisico generale